Hashtag: storia di un mito. Chi lo ha inventato e perché? 06/11/2015

Emozionato, eccitato e ottimista, così si definisce Chris Messina, l’inventore dell’hashtag otto anni dopo la sua creazione

Ormai lo sanno pronunciare anche le nostre nonne, lo troviamo anche sulle etichette della biancheria intima. Di cosa stiamo parlando? Di quello che negli anni novanta era semplicemente il cancelletto sulla tastiera dei nostri primi smartphone: l’#hashtag. Ora l’hashtag è entrato a pieno nella nostra quotidianità virtuale e non.

Gli hashtag oggi sono usati regolarmente da milioni di utenti nei più diversi canali social. Tutto questo grazie a Chris Messina, guru nel mondo social, colui che ha dato vita al modo più immediato, organizzato e veloce di condividere i nostri contenuti sui social media.

Rivoluzionario? Geniale? Fatto sta che abbiamo contattato Mr. Messina su uno dei suoi canali preferiti, Twitter e gli abbiamo chiesto cosa pensa e come si sente ora il papà dell’hashtag a otto anni da questa incredibile invenzione:

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire chi ha inventato l’hashtag e perchè. Nella bio di Twitter , Chris Messina si definisce come l’inventore dell’hashtag. Avvocato, Consulente, ex UX Designer di Google, Messina usò l’hashtag con l’intento di raccogliere conversazioni riguardanti BarCamp, una rete internazionale di non conferenze aperte relative alle tecnologie e al web.

Siamo nel 2007 a San Francisco. Proprio qui il primo hashtag della storia fa capolino su Twitter, stravolgendo le basi stesse del microblogging per eccellenza.

Messina era ben cosciente delle potenzialità di quell’unione tra simbolo e parola. La sua vera ambizione, secondo quanto riportato in un post sul suo blog risalente al 2007, era infatti quella di migliorare la user experience relativa al tracciamento di contenuti relativi ad uno stesso argomento in particolare su Twitter.

tratto da www.ninjamarketing.it